INSOMNIA ISTERICA LYRICS

English translations will be added later.

Arranged from latest to earliest release. For now I’m adding the lyrics of the 7″s only.


SPLIT 7″ w/ GROSSEL (2016)

Sono Agitato (M: Giulio; L: Attila)

Il cuore che batte veloce e male,
il fiato che mi abbandona,
lo stomaco aggrovigliato.
Le mani che gridano vendetta.

Sì, sono agitato.
Sento il fuoco dentro.
Ho voglia di strappare,
schiacciare, rovinare.

Voglio vedervi morti,
scomparire per sempre;
gioire dello spazio acquisito
respirare profondamente.

E allora per starci dentro,
mi dovrò pur sfogare;
trovare una maniera
per non dovervi ammazzare.
Butto fuori tutto
e scateno il mio tornado
nella disattesa speranza
di star bene mio malgrado.

No, non ce la faccio.
Odio, scazzo e morte.
Indosso la maschera
del viver quotidiano.
Mi faccio anche schifo
a comportarmi come voi.
Voglio solo fiamme,
fuoco e distruzione.

////////////////////////////////////////////////////////////

Freddo (M: Giulio; L: Attila)

Sentirsi il freddo nelle ossa,
convivere col disagio.
Oggi è ancora inverno,
Non esiste primavera.

È il male eterno che si manifesta.
Brividi di apatia, coltelli nella testa.
Il calorifero del sentimento è sempre spento.
Nessun calore, solo freddo; solo puro tormento.

Coprirsi come gli altri solo per far finta.
Tremare come foglie, come soldati al fronte.
Cadere uno alla volta, uccisi dall’inganno.
L’estate del nirvana, solo un’altra fantasia.

/////////////////////////////////////////////////////////////

Aria Sporca (M: Giulio; L: Attila)

Fumo sigarette per fingere di respirare.
Cancro contro cancro, scelgo solo il meno peggio.
Inalo ancora un po’ del vostro schifo;
vivere nella paura di effettivamente rimanere soli.

Rifiutare il suicidio ma comunque ammazzarsi lentamente.
Sempre meno ossigeno al cervello ((i pensieri diventano offuscati)).

Questo gioco di società è solo un tumore;
respiro come fumo fumo come respiro.

/////////////////////////////////////////////////////////////

Inutile Schiavo (M: Giulio; L: Attila)

Compra tutto quanto,
del capitalismo un vero santo.
Obbedire al richiamo del potente,
un altro apatico demente.
Solo un altro burattino,
paghi l’affitto e tutto il resto.
Scopi le troie di nascosto,
ma sembri sempre un tipo a posto.

E io invece non ci sto per niente
e voglio vedere anche te morto.

Un altro colletto bianco stronzo
o forse un operaio troppo borghese.
Tutti uguali, tutti traditori.
Quali prospettive effettive?!
Solo rimpiangere il tempo perso;
treni passati o mai transitati.
Riscoprirsi falliti nuovamente.
Nemmeno da morti serviamo a tanto.

/////////////////////////////////////////////////////////////

Stare Bene Per Forza (M: Giulio; L: Attila)

L’ostentazione di volersi sentire contenti
pur con il terrore di guardarsi allo specchio.

Dover stare bene per forza e comunque.
Spaventati dal nostro stesso grugno.
Voglio bruciare tutto anche solo per gioco,
però cosciente di esser stato sincero.

/////////////////////////////////////////////////////////////

Bere Di Domenica (M: Giulio; L: Attila)

Ho ancora sete!!!

Avere ancora sete,
voler tirare avanti.
Sentire il fuoco dentro.
Voglio ancora bere!



4 WAY SPLIT 7″ w/ COFFIN BIRTH, TOTAL FUCKING DESTRUCTION, SKRUTA (2016)

La Danza Del Metallaro Di Merda (M: Giulio; L: Attila)

Capelli pettinati – pezze ben cucite.
Fare il finto brozzo – e ruttare a più non posso.
Con il chiodo dello zio – o quello di Zalando,
tanto vali poco – ma non la prendi come un gioco…

E ti devo sopportare – guardarti andare in giro
a vantarti di quanto scopi – ma giochi ancora ai soldatini.

Hai comprato la prima stampa
degli Helloween, di Dio.
Poi in segreto, lo sappiamo,
su Youtube ti guardi i video
con le troiette sculettanti
e i signori coi soldoni.
Quei dischi non vuoi più,
lo so, ci si sente dei coglioni…

Capelli pettinati – pezze ben cucite.
Fare il finto brozzo – e ruttare a più non posso.
Con il chiodo dello zio – o quello di Zalando,
tanto vali poco – ma non la prendi come un gioco…

E adesso sei alla fine,
sei diventato grande.
Ti tagli i capelli,
con le signore fai il galante.
Hai appeso il chiodo al chiodo,
niente concerti e niente sbronze.
Un matusa come un altro,
schiavo di mille stronze.

////////////////////////////////////////////////////////////

Nazis In Uranus (M: Giulio; L: Attila)

Quel continuo prurito,
la dannata consapevolezza
che qualcosa non funziona;
gente nazi dappertutto.

E si riscatena la guerra dei poveri.
Insorgono anche gli ignoranti.
Dare ancora ragione al padrone,
scadere sempre e solo nei luoghi comuni.

Eppure ho l’impressione
che è la paranoia che dilaga.
Dar sempre la colpa agli altri,
ma mai proporre soluzioni.

Siete tutti stronzi uguali,
tutti a darvi degli animali.
Con le vostre retoriche da ‘800,
solo pianti e un gran lamento.
L’uomo nero dappertutto;
vessillo rosso, nero o brutto.
I nazi su per il culo,
ne morirà poi qualcuno.

C’avete i nazi su per il culo!

////////////////////////////////////////////////////////////

Rabbia (M: Giulio; L: Attila)

Sempre incazzato,
la voglia di uccidere.
Consumato un tanto per volta.
Rabbia!

Il male di dentro
che brucia come un cancro.
Come cani rognosi.
Rabbia!

Le budella stritolate,
immagini di morti ammazzati,
i nervi al limite.
Rabbia!

Smembrare gente a caso,
sfogare fuori tutto,
fottersene del resto.
Rabbia!


ALCOHOLARCHY, FULL 7″ (2014)

In Attesa Di Quel Giorno (M: Giulio; L: Attila)

In attesa del giorno // in cui la vita sarà solo morte,
nella speranza che respirare // sia un’azione obsoleta,
tiro avanti trafugando la carcassa // di un’anima ormai stanca
e celo il mio profondo desiderio // di sapere che è tutto finito.

… che è tutto finito!

////////////////////////////////////////////////////////////

Folklore Terapeutico (M: Giulio; L: Attila)

Sconforto, disprezzo e disperazione.
Difficile affrontare il vostro esistere;
le vostre facce, i vostri sguardi.
Un perpetuo fastidio da sopportare.

Folklore terapeutico
ciò che mi aiuta a tirare avanti.
Folklore terapeutico
un cinico sorriso sul mio viso.

La mia unica vera medicina,
il solo metodo per superare
l’ardente odio che provo,
giorno dopo giorno, in continuazione.

////////////////////////////////////////////////////////////

A Noi Piace Bere (M: Giulio; L: Attila)

Voglia di bere solo per sbragare,
il bisogno di evadere per esorcizzare.
Sia per rilassarsi, sia per caricarsi;
fiumi di nettare per brutalizzarsi.

A noi piace bere / in ogni occasione.
È un insieme di cultura / e di grande passione.
Birra, vino e grappa / che grande leccornia;
beviamo tutto il frigo / prima di andare via.

A noi piace bere / non ce ne vergogniamo;
una forma di protesta / contro il corpo umano.
Un mezzo dopo l’altro / senza cognizione.
Pure i nostri nonni / ci danno ragione.

A noi piace bere / a tutti gli orari
e tiriamo avanti / finché ci sono danari.
Annaffiamo amicizie / con liquidi gustosi,
celebriamo il sentirsi vivi / con brindisi sontuosi.

A noi piace bere l’alcool, perché ci piace!

////////////////////////////////////////////////////////////

Nebbia (M: Giulio; L: Giulio)

Un continuo vomitare di belle parole inutili.
Domande arroganti a cui non ho risposte.
Mi lasci in un deserto che non proietta ombre,
ti lascio infastidito dalla mia risoluzione.

La paranoia di adattarti
con la paura di essere emarginato.
La nebbia che hai davanti
ti impedisce persino di schifarmi.
Se solo penso al tempo che butti via
cercando di crearti rapporti inutili;
staresti molto meglio accasciato
sul pavimento di un cesso pubblico.

////////////////////////////////////////////////////////////

Per Starci Dentro (M: Giulio; L: Attila)

Uccidersi un giorno alla volta
annacquando il proprio disagio,
bruciando la propria insoddisfazione
per fingere di starci dentro.

Mi sveglio e mi guardo allo specchio
dicendomi che oggi le cose cambieranno,
che urlerò il mio disprezzo a chi mi chiederà:
“come stai?, tutto bene?, che tempaccio, eh?!”

Nascosti dietro al dito del ben convivere
mentiamo a noi stessi e agli altri;
così diversi eppure fottutamente uguali,
ci si ciba di compromessi per il bene comune.

Uccidersi un giorno alla volta
annacquando il proprio disagio,
bruciando la propria insoddisfazione
per fingere di starci dentro.

////////////////////////////////////////////////////////////

Meno Di Niente (M: Giulio; L: Giulio)

Oggi è un’altro di quei giorni;
mi sveglio e sono stordito,
stordito dal disagio,
dalla vostra incapacità.
Non trovo niente di sensato
in tutto quello che fate;
“vivere per lavorare,
lavorare per vivere”.

Ancora morti che camminano,
ancora bestie che si annusano,
ancora schiavi che si contendono
il miglior giocattolo multimediale.

Le seghe mentali sudate
per raggiungere scopi civili
continuano a farmi pena e
portano solo al mio dissenso.

Un continuo ostentarsi,
esagerando gli sforzi;
voler aggiustare qualcosa
che è già rotto da tempo.

Il meglio che continuate a dare
è ancora meno di niente.

Meno di niente.

////////////////////////////////////////////////////////////

Al Buio Dei Fatti (M: Giulio; L: Giulio)

Siete tutti uguali, con le vostre facce di merda;
l’espressione prefabbricata che vi scambiate
come figurine.
Insetti che camminano su una strada asfaltata male,
comunque sempre pronti a dare la colpa a
qualcos’altro.
Messi tutti insieme siete un’ammasso di batteri,
a nessuno interessano veramente le vostre opinioni.

Ingredienti di troppo in una minestra già più volte riscaldata.
Alzate la voce della ragione che di vero ha solo il tanfo dell’alito.
Un tanfo che in solitudine credete di trasmettere al mondo intero.
Sono sempre le solite cose che anche al buio hanno ancora un senso.

L’illusione di conoscersi e di coesistere,
all’interno di un mondo finto che non ha valore.
Valorizzare l’importanza dell’insignificante,
non accettare la sorte di finire tutti sotto terra.

////////////////////////////////////////////////////////////

Cosa Ci Rimane? (M: Giulio; L: Attila)

Si trascinano gli stanchi corpi
sull’asfalto bagnato che sa di morte.
Giorno dopo giorno, imperterriti,
credendo di fare il proprio dovere,

muoviamo passo dopo passo i nostri brandelli.
Cosa ci rimane delle nostre vite?
Nessuna carezza ad aspettarci, nessuno;
niente calore nelle nostre case vuote.

Solo noi stessi a maledirci per aver detto
ancora una volta sì. Sì a cosa?
Sì all’oppressione, sì a quello che ci hanno
detto essere il dovere, il normale.

Non sono normale e non voglio esserlo,
sono stanco di trascinare il peso
di una vita troppo piena per essere
contenuta in un archivio vuoto.

////////////////////////////////////////////////////////////

Noia Ticinese (M: Giulio; L: Giulio)

Il corteo di anime spensierate
nel carnevale del buonismo.
La subdola crème ipocrita,
prepotente e piena di sé.

Espandi le spore
della vanità.
Diffondi la malattia
del lamentarsi.

Sei deluso ma partecipi;
le solite feste, le solite stronzate.
La solita gente, le solite menate;
ti ritrovi sempre in prima fila.

“Il moon and stars è per i zucchini,
il festival e la rotonda per i ricchi,
agli “openèr” ci sono solo coverband,
la Vascojam suona anche a casa tua.”

Ogni anno tutto uguale, tutto esaurito.
Portafogli pieno, lo svuoto in una sera.

Il niente del giorno dopo, la rete intasata
dei vostri futili ricordi della solita fredda estate.


SPLIT 7″ w/ EXENTERATION (2013)

Prodotto Della Società (M: Mirko; L: Giulio)

Tutto così fragile,
sicurezze da affittare.
Consumare all’infinito
i prodotti dei tuoi sforzi.

Un mondo così assurdo
che non si ammette facilmente.
Trova nel controllo
la sua forza monitrice.

Segui le tue regole
che di tuo non hanno niente.
Credi nel sistema
che di certo (e sicuro) non ha niente.

Esistenze dal prezzo ribassato pronte al sacrificio
di ignorare la realtà pur di stare bene;
false come il sorriso che sfoggiate ostentatamente.
Siete solo prodotti della società.

Ammalato dalla vita,
nauseato dalle parole.
Stufo di sopportare
l’ignoranza che ci tutela.

Schifato di dover vivere
ogni giorno con il pensiero
di sapere di far parte
di un meccanismo disorientato.

////////////////////////////////////////////////////////////

Senza Spina Dorsale (M: Mirko; L: Giulio)

Annoiati, con il peso
del niente nella voce.
Attitudini stimolate
da un esempio che si è fatto malattia.
Virus per ipocondriaci
privi di carattere
e di autostima.

Il placebo multimediale per
riempire vuoti (incolmabili) eterni.

Fare cose prive di senso
senza dargli il minimo valore.
Ogni forza abbandonata,
ogni sforzo obsoleto.

Il placebo multimediale per
riempire vuoti (incolmabili) eterni.

////////////////////////////////////////////////////////////

Troppo Lenti (M: Giulio; L: Giulio)

Non mi piace come camminate.
Presi da una forza d’inerzia,
un moto costante (troppo) pedante;
lenti come la vita.

Apatia mossa da colpi di vento.
Strisciate schifosi e rimbambiti.
Voglio buttarvi tutti a terra,
vedervi cadere come sacchi di merda.
Mi faccio largo il passaggio,
schivo il vostro cadaverico deambulare.

Tirare dritto con il fastidio
della scia di noia che vi portate dietro.


SPLIT 7″ w/ TERROR FIRMER (2012)

Onesta Constatazione (M: Giulio; L: Attila)

Come lombrichi rivoltiamo il terreno
scavando tortuose e disordinate gallerie
nelle quali ci rifugiamo e nascondiamo
spaventati dalla realtà che ci opprime.

Giunti in profondità, senza ossigeno,
malediciamo il mondo, dio e gli altri,
ma siamo noi i vermi schifosi;
noi strisciamo senza meta.

È come bere la birra senz’alcool la tristezza
che si prova quando ci si rende conto
che nonostante tutto siamo colpevoli,
fautori del nostro schifo quotidiano.

////////////////////////////////////////////////////////////

Sospeso Fra Il Niente E Il Nulla (M: Giulio; L: Attila)

Sospeso fra il niente e il nulla,
passivo ed impassibile,
soffro il peso del momento
senza vedere speranza di ripresa.

Stanco seppur riposato,
seppur sano alterato.
Nessuno stimolo provoca reazione;
lo sguardo fisso nel vuoto.

Desiderare di spegnersi di colpo
per evitare il supplizio della candela.
Neppure il disprezzo e la violenza
possono smuovermi da questo stato.

Mancano le forze per voler reagire.
Non si tratta (di potenzialità,) di possibilità.
La volontà è venuta a mancare (ormai).
Ci si lascia consumare dal dentro.

////////////////////////////////////////////////////////////

L’Amaro Sapore Della Disfatta (M: Giulio; L: Attila)

Come un soldato disarmato di fronte al nemico,
dopo anni di battaglia e malinconia;
disperso, perso, affranto, distrutto.
Il fallimento si ripercuote sull’esistenza.

Continuare a lavorare sodo, sudare;
prenderlo nel culo in ogni caso, sempre.
Nemmeno i 40 gradi alcoolici di questo whiskey
sanno diluire questo amaro sapore.

////////////////////////////////////////////////////////////

Ho Male (M: Giulio; L: Attila)

Ho sempre male dappertutto;
mi fanno male il fegato e la milza.
I polmoni e i bronchi ardono
e l’esofago sa di inferno.

Forse è solo colpa della merda
che devo continuare ad ingoiare,
ingurgitare giorno per giorno
per restare ancora al mondo.

////////////////////////////////////////////////////////////

Fumo Negli Occhi (M: Giulio; L: Attila)

Abbagliato, torturato da quell’acro bruciore,
non riesco più a vedere il bello; il cielo sereno
è offuscato da nuvole di denso fumo fosco.
Mi è difficile orientarmi in un tale disordine.

Senza successo tento di cercare dell’acqua
per alleviare il mio intenso ardente dolore.
Vorrei poter vedere, comprendere.
Probabilmente più che dal fumo sono accecato dal timore.

Il timore di ancora riconoscere tale realtà, vita,
come qualcosa di malvagio e malsano. Maligno.
Rifuggono impaurite le moltitudini delle genti
il realismo della reale realtà.
Meglio il fumo negli occhi.

////////////////////////////////////////////////////////////

Sorpreso (M: Giulio; L: Attila)

Rivolto verso l’infinito cielo
il tuo ventre sbudellato.
Gli occhi lucidi e sbarrati
chiedono perché e vendetta.

Sorpreso nell’innocuo ed incolpevole
gesto del normale e quieto vivere.
Una rapida e saettante lucida lama
offende e penetra le viscere della tua anima.

Disteso su un freddo marciapiede
ripensi alla tua giovane vita.
Gli ultimi sospiri, gli ultimi gemiti;
un lago di sangue ed intestini.


SPLIT 7″ w/ EMBALMING THEATRE (2011)

Tramontata Luce (M: Giulio; L: Attila)

Nubi nere di sconforto
su scosse labili menti.
L’agognata luce del domani
è da tempo tramontata.

Turbini di disperazione amara
violano deboli e malati organismi.
Come secche fronde cadono,
corpi esanimi, senza spirito, senza domani.

Sudo sotto questo sole nero;
soffoco in quest’aria sulfurea
contaminata di tradimenti e ipocrisia.
Vado a morire nel mio buco un po’ per volta.

////////////////////////////////////////////////////////////

Spirito Di Rivalsa (M: Giulio; L: Giulio)

Credo solo in quello che faccio,
mi ripiego sotto una coltre di rumore molesto.
Non credo nella vostra fede, non credo ai vostri bisogni.
Maniaci dell’ordine e psicotici stressati.

L’ambizione al suicidio – Una carogna sul collo.
L’aspirazione all’omicidio – Una carogna sul collo.
L’aspettativa di un futuro – Una carogna sul collo.
L’avversione alla vita – Una carogna sul collo.

Panico ad alta intensità, cerco rifugi
dove il vostro mondo non mi contamini.
Accelerazione di ritmo per caricare
il bisogno di soddisfazione di vivere.

Partecipazione passiva – Un peso sulle spalle.
Il disprezzo che provo – Un peso sulle spalle.
Il fastidio che mi attacca – Un peso sulle spalle.
La rabbia che pervade – Un peso sulle spalle.

Urlo, grido e sbrago; mitragliatrice
di un mondo muto e vuoto,
sopra lo sterile e l’asettico;
mi rialzo sicuro di non avere sbagliato.

////////////////////////////////////////////////////////////

Glorificazione Della Violenza (M: Mirko; L: Giulio)

Come terra che brucia,
segue orme di sangue.
Ritrova morte a pezzi
su un sentiero che ci rigetta.

Trema sotto i piedi,
scuote la testa fino a staccarla.
Rapida ed impulsiva.
Cinica operazione non sentimentale.

“E ti senti invaso, scosse di adrenalina. Il tuo corpo non ti appartiene, le tue viscere sono la sua ultima cena.”

Senza ragione, senza torto;
folgore delle repressioni,
l’odio fa da catalizzatore.
Una macchina fredda e grezza.

Giustizia della vendetta.
Arma polivalente implacabile;
quinto potere supremo.
Scaglia dai cieli una ragione di vita.

////////////////////////////////////////////////////////////

In Ascolto Del Silenzio (M: Giulio; L: Attila)

Fermo alla fermata della vita.
Fermo, solo – tempo di riflessione.
Apprezzare il momento in cui tutto è nulla;
statica monumentale.

E non ricerco nessuno – non ti voglio.
Rigetto ogni presenza fisica – persino la mia.
C’è qualcosa oltre questo muro di rumore;
ricerco questa presenza, questa essenza.

In ascolto del silenzio – niente oltre al niente.
Apprezzo l’infinità del nulla e del nessuno.

Felice di nemmeno percepire la tua voce,
felice di questo momento di puro ascolto.
Lontano, altrove, lontano, altrove;
via da qui, da te, da me, da tutti e tutto.

In ascolto del silenzio trovo e provo nuove sensazioni.
Cose mai sentite né viste – sconosciute per ignoranza,
impossibili da trovare in questa realtà di caos e miseria.
Affogato nel finto stress che ci opprime – ora mi sento libero.

////////////////////////////////////////////////////////////

Fastidio Sonoro (M: Giulio; L: Giulio)

Sale dalle fogne come vermi acidi,
corrodendoti la carne fino all’osso.

Un treno maledetto che si schianta
contro il pilastro della coscienza.

Posate arrugginite che infettano le bocche
degli ospiti serviti alla cena del riscatto.

Un insetto che entra dall’orecchio
e ti lacera il cervello a piccoli morsi.

Con il rigurgito per il normale,
lozza e controversia ricercate.

Una scossa elettrica ai testicoli;
ti strappa le unghie e te le fa ingoiare.


SPLIT 7″ w/ GOKURTRUSSELL (2010)

L’Entropia (M: Giulio; L: Attila)

Misuro il disordine giorno per giorno,
scrupolosamente analizzo il caos.
Leggi fisiche incontrano la realtà;
mai la realtà fu meglio studiata.
Gioisco nel sapere e nel constatare
che l’entropia cresce costantemente.
Ogni reazione, ogni respiro, ogni pensiero;
tutti parte di un meccanismo inarrestabile.

Sogno mondi dilaniati dal nulla,
abitati dal niente e dal nulla.
Nessuna parola, nessuna emozione;
nessun uomo a deturparne la morta natura.
dS=dQrev/T
l’entropia, una certezza.
Trepidante attendo
la morte termica dell’universo.

////////////////////////////////////////////////////////////

Fossa Comune (M: Giulio; L: Giulio)

È il tempo che ti scorre davanti agli occhi
colmo di ricordi deformi che si spappolano.
Mandare a cagare un impero di leccaculo
per non sentirsi partecipi ancora una volta.

Il non volere accettare e il dover affrontare;
costante di uno stato di perenne disagio.
Sentirsi da soli per non sembrare uguali
a un mondo che non ti si offre come vorresti.

Rispondere a leggi morali col fiato dell’ipocrita,
ricerco il confine dove potermi annullare.
Nel buio di una fossa già piena di merda,
ricreo il mio mondo per sentirmi distante.

Non voglio respirare, mi sento sbacchettare.
Trovare da esorcizzare un obiettivo da coltivare,
la fortuna di avanzare dà la forza di scavare
una fossa meno stupida di una vita troppo umida.

////////////////////////////////////////////////////////////

Disillusione (M: Giulio; L: Attila)

Ostentata bellezza e altezzosa malizia;
un semplice insieme di liquame e schifo
ai miei occhi stanchi e stufi di tutto.
Non pretendo comprensione né commiserazione,
tu al centro del mondo (?) io fuori.
Non voglio prender parte a questo scherzo.
Carcasse, rovine e piogge acide
incartate in TV, ballerine e finto impegno.

La disperazione invade le tue vene a tua insaputa.
Illuso dal fatto che il sole continui a sorgere
e che il sistema e la vita si cureranno di te.
Umiliato nella disillusione di una morta vita.
Deserti abitati e città abbandonate.
Nessuna coperta a riscaldarti nella notte;
lasciato a crepare solo come un cane
ancora attaccato al guinzaglio della speranza.

////////////////////////////////////////////////////////////

Il Grande Silenzio (M: Giulio; L: Giulio)

Abbandono le forze per la civiltà – respiro aria marcia.
Si corrode tutto dentro – un sogno all’orizzonte
che si annebbia di grigio – (solo) macerie e desolazione;
il nulla, il vuoto – aaaaaaaaaaaarrrrrrgggggghhhhhhh!

Paura del domani, non ho voglia di oggi.
Ieri e adesso, sempre annoiato;
sono stufo marcio. Troppo da fare,
nessuna voglia di affrontare. Rimanere inespressivo (nella nebbia crescente).

Rimango e contemplo – il grande silenzio.
La ragione ormai cieca – non serve più nulla.
Tutto è offuscato – si muove in delirio (inutile sperare).
Non esiste speranza – non esiste redenzione.

Il sonno letale, il sonno eterno;
non voglio svegliarmi altrimenti sento il male.
Contemplo ancora il grande silenzio
fatto di voci e suoni che non dicono mai niente.

 


SPLIT 7″ w/ AGATHOCLES (2010)

Lower Class (Huere Fattoni. M: Giulio; L: Giulio)

Ci danno degli emarginati della società,
non sanno neppure cos’è la lealtà,
non riescono ad affrontare la realtà.
Ci danno degli emarginati della società.

Lower class, will kick your ass.

Siamo le pecore nere della comunità,
siamo al livello più basso della mediocrità.
Non si può fare un cazzo di cosa ci va,
non ce ne frega un cazzo di cosa gli va.

////////////////////////////////////////////////////////////

Paranoia (Clithorrids. M: Giulio; L: Giulio)

Paranoia, frustrazione, religione;
vorrei avere una ragione.
Sempre più duro il pensiero
di scegliere cosa volere.
Apprensione, negazione,
non esiste destinazione.
Qual è lo scopo?
Una pioggia di quesiti mai capiti.
Ora è lontana la decisione
di cosa fare, dove andare.
Problema, rifiuto, ormai
il perdono è già negato.

////////////////////////////////////////////////////////////

Brigate (Brigata Resistenza. M: Giulio; L: Giulio??)

Brigate senza nome – contro l’oppressore.
Brigata resistenza – per voi la sofferenza.
Brigate nelle strade – contro tutte le contrade.
Brigate militari – son quelle nazionali.

Brigate, brigate, brigate all’assalto!

Brigate hooligane – son tante italiane.
Brigate organizzate – non danno a sassate.
Brigate alcolizzate – son quelle che dann legnate.
Brigate indipendenti – sono tutti deficienti.

////////////////////////////////////////////////////////////

Alcool (Asfissia. M: Mirko; L: Mirko??)

Ogni sera sempre uguale
ubriaco come un animale.
Per le strade o contro il muro,
l’importante è bere duro.

Io di bere non mi stanco!
Ogni sera sempre uguale.
Io di bere non mi stanco!


SPLIT 7″ w/ COMPOST (2009)

Asphyxiated By Cow’s Flatulency (M: Mirko; L: Attila)

While he was walking wondering the wonderful nature,
he slipped on a huge fragrant shit
as an animal was nearby looking for something.
And he suddenly lost the equilibrium;
his head went into the cow’s rectum.
He tried to escape but there was no chance.
The cow thought to help him by pushing hard
but as result it just freed its gases.

There was no solution. He tried to keep his breath,
but the methane was already surrounding his pulmonary cavity.
The poor cow felt a huge anal pleasure but it didn’t know what was really going on.
Its stomach swelled until it seemed a zeppelin, the anal pleasure was unfortunately over.
The cow and the man forming a new symbiotic life. They have to explode together.

Quescta l’è la sctoria dala vaca Vitoria – morta la vaca – finida la sctoria.

////////////////////////////////////////////////////////////

Raped By Mexican Cocks (M: Giulio; L: Giulio)

She goes down to Mexico
trying to find herself.
Visit ancient ruins,
drink tequila, eat burritos.

Enchillada, tacos, mexical.
It’s party time “el dia de los muertos”.
Mariachis are playing in the streets.
Too much alcohol in her body.

She asked a little bit too much.
Five big ugly mescaleros
take her drunk body on a pick-up.
Rape and stab her with machetes.

Raped By Mexicans.

////////////////////////////////////////////////////////////

Like An Animal (M: Giulio; L: Attila)

Wanking on the streets, like an animal.
Eating shit for breakfast, like an animal.
Chocking on your own vomit, like an animal.
Trying to survive, like an animal.

Get your flesh and bones minced, like an animal.
Packed in a pretty can, like an animal.
Ready to be eaten, like an animal.
And vomited on the coffin, like an animal.

On the way to the butchery, like an animal.
Feeling fear and emptiness, like an animal.
Your decided to be, like an animal.
And now you are dead, like an animal.